L’impianto delle Cortine ha aperto le porte alla cooperazione internazionale
08/05/2013

Il ponte della cooperazione tra Palestina e Toscana si è concretizzato nell’impianto di selezione, compostaggio e valorizzazione delle raccolte differenziate di Pian de Le Cortine (Asciano, Siena) dove questa mattina è arrivata la delegazione palestinese del “Progetto Hebron”, l’iniziativa finalizzata allo sviluppo di un sistema di smaltimento dei rifiuti nel territorio della città palestinese.
Nel corso della visita, il coordinatore del progetto per Sienambiente insieme al responsabile dell’impianto, hanno illustrato ai rappresentanti del Joint Service Council (capofila del progetto) il funzionamento della filiera di selezione soffermandosi sui temi legati alla gestione sostenibile dei rifiuti a livello provinciale, alla produzione di compost di qualità e al recupero di materia finalizzato al riciclo. Il tour tecnico, durato circa 2 ore, si è concluso con un approfondimento dimostrativo sul software per l’elaborazioni dei dati messo a disposizione dalla Società.
La giornata a Siena, è stata anche un’occasione per fare un primo bilancio sullo stato di avanzamento del progetto il cui obiettivo è sostenere le autorità locali palestinesi nello sviluppo di processi sostenibili di smaltimento e trattamento e andare incontro alle esigenze della popolazione del governatorato di Hebron nonché di quello di Betlemme (circa 700.000 persone). Soddisfatto della giornata il direttore JSC Hebron, Yasser Dweik. «Il nostro viaggio in Toscana e la conoscenza dell’impianto di Sienambiente, saranno fondamentali per e avviare i servizi di raccolta a Hebron e realizzare un percorso virtuoso di gestione dei rifiuti», ha dichiarato Dweik.
La visita dei palestinesi è il secondo atto dell’attuazione del progetto dopo un primo sopralluogo dalla rappresentanza dei partner toscani nei Territori deciso per mettere a punto gli interventi da attuare. Sienambiente, che ha fornito un supporto tecnico per la progettazione, gestione e pianificazione delle attività di raccolta differenziata, porterà avanti il suo impegno tornando nella città di Hebron nel mese di giugno.
Il progetto Hebron, dal costo complessivo di 813mila euro, rientra nel programma “Palestinian Municipalities Support Programme” della Cooperazione italiana del Ministero degli Esteri..