IL TERMOVALORIZZATORE DI POGGIBONSI:
DAI RIFIUTI ALL’ENERGIA

Sienambiente gestisce il termovalorizzatore di Poggibonsi che costituisce uno degli anelli fondamentali per la gestione dei rifiuti su scala provinciale e contribuisce a garantire l’autosufficienza di ambito. Il termovalorizzatore, inoltre, risponde all’obbligo imposto dalle norme europee, nazionali e regionali di recuperare energia dai rifiuti non più riutilizzabili e riciclabili secondo standard ambientali di eccellenza.

Per visualizzare i dati rilevati dal sistema di monitoraggio delle emissioni si può cliccare su questo link.

Impianto Poggibonsi
(dati 2016)

Potenza Installata

0 MWp

Energia Prodotta da Fonti Rinnovabili

0 kWh

Energia elettrica ceduta alla rete

0 kWh

Rifiuti trattati per combustione

0 t

Emissioni di gas serra in atmosfera evitate

0 t CO2

TEP Risparmiate

0

Numero degli abitanti equivalenti serviti

0

IMPIANTO FOCI (POGGIBONSI)

Inaugurato nell’autunno del 2008, è frutto di sostanziali lavori finalizzati all’adeguamento e all’ampliamento di un impianto attivo dalla fine degli anni ’70 che è stato sottoposto nel corso del tempo a vari adeguamenti alle normative vigenti e implementato con la sezione per il recupero energetico.
L’Amministrazione Provinciale di Siena ha concesso l’Autorizzazione Integrata Ambientale per la realizzazione del progetto di ampliamento con atto Raccolta n° 03 del 5 gennaio 2006.
Il Piano Provinciale si fonda sull’integrazione di diverse tecnologie, destinando le discariche ad un ruolo residuale, dando la priorità alla massimizzazione delle raccolte differenziate e del recupero di materia e prevedendo l’incenerimento con recupero energetico per le frazioni combustibili precedentemente selezionate.

Il sistema di depurazione dei fumi
La depurazione dei fumi prodotti dalla combustione avviene con un processo interamente “a secco” senza produzione di scarichi liquidi. Il sistema di depurazione della nuova linea di incenerimento, si compone di tre sezioni principali:
– ciclone-mixer-reattore per l’abbattimento di acidi, metalli e microinquinanti organoclorurati mediante iniezione di bicarbonato di sodio e carbone attivo;
– filtro a maniche per l’abbattimento delle polveri;
– reattore catalitico per l’abbattimento di NOx, che consente di ridurre le emissioni degli ossidi di azoto fino a 10 volte sotto i limiti imposti dalle direttive europee.

Il controllo delle emissioni
Il controllo delle emissioni viene effettuato in continuo con apparecchiature installate sui camini che analizzano i fumi e ne registrano i risultati.
I dati relativi alle emissioni sono trasmessi in tempo reale sul sito del comune di Poggibonsi e su un monitor installato nel comune di San Gimignano, a disposizione di chiunque voglia prenderne visione. Ogni 4 mesi inoltre, così come previsto dalle norme vigenti, un laboratorio esterno effettua, sotto il controllo degli organi preposti, l’analisi di tutte le sostanze inquinanti emesse dai camini.
Ad integrazione di quanto previsto dal decreto 133/06, in linea con le previsioni della Del RT 272/08, il termovalorizzatore di Poggibonsi è dotato anche di un sistema di rilevamento e di monitoraggio delle emissioni di mercurio, ammoniaca e di campionamento della diossina.

Monitoraggio ambientale
Il 19 settembre del 2005 è stato firmato un Protocollo d’Intesa per l’attuazione di un piano di monitoraggio sugli effetti ambientali e sanitari dell’impianto. Il protocollo, i cui firmatari sono Provincia di Siena, Comune di Poggibonsi, ARPAT, USL 7, ATO 8 e Sienambiente, prevede in particolare la valutazione integrata dell’impatto delle emissioni dell’impianto attraverso sia campagne di monitoraggio del suolo e dell’aria, sia stime modellistiche delle ricadute dell’inquinamento atmosferico.
I dati rilevati dai sistemi di monitoraggio delle emissioni dell’impianto sono disponibili per la consultazione. Cliccando sul link sotto sarà visualizzata una tabella nella quale sono riportati i dati delle emissioni delle linee 1 e 2 (E1), e della linea   3 (E2).
Nella prima pagina vengono visualizzati i valori medi giornalieri per i parametri misurati, insieme ai relativi limiti di riferimento. Sono inoltre visibili i dati relativi all’energia elettrica prodotta giornalmente.
Nelle successive schermate, per gli stessi parametri, sono invece riportati i valori medi semiorari ed il relativo limite di riferimento.
Le pagine sono aggiornate con cadenza giornaliera e visualizzate in sequenza ciclica.
Sul fronte ambientale, Sienambiente redige anche – entro il 30 aprile di ogni anno – un report ambientale (allegato sotto, Report 2015) relativo al funzionamento e alla sorveglianza dell’impianto, e lo invia agli organi di controllo. Oltre a una relazione che evidenzia la conformità dell’esercizio dell’impianto alle condizioni prescritte nell’Autorizzazione integrata ambientale, il documento rappresenta una sintesi del Piano di monitoraggio e controllo e dei dati raccolti nell’anno solare precedente a quello in cui viene pubblicato.

DATI TECNICI (DI PROGETTO)

Ristrutturazione impianto

0

Potenza termica complessiva

0 MW

Potenza elettrica massima

0 MW

Energia elettrica prodotta

0 MWh/anno

Energia elettrica ceduta alla rete

0 MWh/anno

Emissioni di gas serra evitate (determinata sulla sola quota biodegradabile del rifiuto)

0 t CO2

TEP risparmiate

0

Abitanti equivalenti serviti

0

RIFIUTI IN INGRESSO (DI PROGETTO)

Rifiuti urbani dalla Valdelsa

0 t/giorno

CSS (Combustibile Solido Secondario) proveniente dall'impianto di selezione de Le Cortine

0 t/anno

Rifiuti Speciali non pericolosi assimilabili agli urbani

0 t/giorno

TOTALE RIFIUTI CONFERITI

0 t/anno

Mappa

Visita i Nostri Impianti