Le Parole della Sostenibilità
Glossario per orientarsi nel nostro mondo

Biodegradabile

Biodegradabili sono i materiali che una volta decomposti per azione di microrganismi, portano alla formazione di sostanze natuali, come acqua o anidride carbonica, in un tempo anche molto lungo.

Compostabile

Un materiale è detto compostabile quando in seguito alla sua degradazione, naturale o industriale, produce velocemente compost, ovvero la materia organica utilizzabile per la concimazione in agricoltura. I materiali compostabili si disintegrano totalmente in un impianto di compostaggio entre 12 settimane. Si raccolgono con l'umido.

Compostaggio

Processo biologico che favorisce la fermentazione di rifiuti a prevalente contenuto organico, allo scopo di ottenere il compost, una mistura ricca di minerali e di materia organica, utile per usi agricoli.

CSS (Combustibile Solido Secondario)

Il CSS (Combustibile Solido Secondario) è un combustibile ottenuto dalla componente secca (plastica, carta, fibre tessili, ecc.) dei rifiuti non pericolosi, tramite apposito trattamento di separazione da altri materiali non combustibili, come vetro, metalli e inerti. Il CSS può trovare impiego in impianti industriali (cementifici, acciaierie, centrali termoelettriche, ecc.) o nei termovalorizzatori per il recupero e produzione di energia elettrica e calore.

Differenziata / Riciclo

La raccolta differenziata viene fatta dai cittadini separando i rifiuti negli appositi contenitori; il riciclo viene invece realizzato dalle aziende che trasformano, attraverso processi industriali, i materiali in nuovi oggetti e nuovi beni di consumo.

Discarica

La discarica è un sistema di smaltimento dei rifiuti che consiste nello stoccaggio definitivo dei rifiuti in siti appositamente predisposti, in modo da ridurre al minimo l'impatto dei rifiuti sull'ambiente.

Economia Circolare

Economia circolare è un termine utilizzato per definire un sistema economico pensato per potersi rigenerare da solo. E' un modello e un nuovo modo di vedere i prodotti e i servizi che replica il ciclo vitale naturale: ogni fine è un nuovo inizio. Nell'economia circolare, perciò, i prodotti sono pensati per avere una nuova vita grazie alla riparazione e alla ricostruzione. Possono addirittura essere trasformati in nuovi bene o utilizzati come nuove risorse per altri prodotti.

Imballaggio

L'imballaggio è il prodotto composto di materiali di qualsiasi natura adibito a contenere e a proteggere determinate merci, dalle materie prime ai prodotti finiti, e a consentire la loro manipolazione e la loro consegna dal produttore al consumatore o all'utilizzatore.

Quattro 'R'

Sono le 4 R delle strategie di gestione dei rifiuti: Riduzione, Riuso, Riciclo e Recupero:

Ridurre
Possiamo scegliere prodotti con imballaggio poco ingombrante o assente come, ad esempio, i detersivi sfusi o con ecoricariche. Usare meno materiali per un prodotto significa eliminare contemporaneamente la necessità di smaltirlo e, anche se limitato, l'inquinamento provocato dai processi di riciclaggio. Evitiamo anche di scegliere confezioni monouso o monoporzione.

Riutilizzare
Impegniamoci a far duare il più possibile un bene una volta acquistato, impiegandolo anche per altri scopi così da ridurre la quantità di rifiuti prodotti, allungando la vita ai prodtti che acquistiamo ed evitando così il continuo utilizzo di materie prime. Pensiamo ai vestiti che non indossiamo più: se gettati negli appositi cassonetti potranno essere riutilizzati da altre persone che, purtroppo, hanno guardaroba molto più vuoti dei nostri.
Un altro esempio è il sacchetto di plastica che ci viene dato in un negozio: potrò riutilizzare il sacchetto più volte per trasportare molti prodotti, e alla fine, utilizzarlo per gettare rifiuti. E' importante ricordare anche che: è bene utilizzare sacchetti biodegradabili così da scegliere il bene dell'ambiente! Sono riutilizzabili e infine possono essere usati per smaltire i rifiuti umidi.

Riciclare
Questo processo effettuato dalle aziende permette di non ricorrere alle materie prime per produrre nuovi oggetti. E' fondamentale, perciò, fare sempre la raccolta differenziata dividendo la carta, da vetro, plastica e alluminio. Per ognuno di questi materiali è prevista una tecnica e degli strumenti diversi per il riciclaggio.

Recuperare
Al termine del ciclo di uso e riuso di un prodotto potrò anche recuperare energia. Come?
I rifiuti sono usati come combustibile nei termovalorizzatori: bruciandoli si può produrre energia. Gli impianti di termovalorizzazione sono progettati e realizzati per essere in grado di utilizzare il calore prodotto dalla combustione dei rifiuti come fonte per la produzione di energia elettrica.

Termovalorizzatore

E' un impianto in grado di sfruttare il contenuto calorico dei rifiuti stessi per generare calore, riscaldare acqua e infine produrre energia elettrica.